F.1 Ecclestone elogia Hamilton, rimpiange Alonso

Ad Abu Dhabi si è visto nei paddock anche Bernie Ecclestone (nella foto col vostro cronista foto Mazzi), in giubbotto di pelle e pizzetto alla moda. Circondato da telecamere e vecchi amici, non ha mancato di dire la sua in merito agli sviluppi del mondiale appena concluso con la vittoria di Hamilton e della Mercedes: “Sinceramente, dopo un campionato così combattuto, avrei preferito che si decidesse qua ad Abu Dhabi nell’ultima gara, sarebbe stata una cornice perfetta. Mi spiace si sia concluso prima, in altre occasioni l’ultima gara ha sempre dato adrenalina e interesse, vedi il mondiale con Alonso in lotta con Vettel o Rosberg con Hamilton”.

 

Parlando di Hamilton, ha fatto suo il quinto titolo mondiale, davvero incredibile, che ne pensi? “E’ eccezionale quello che ha fatto Lewis, ma è anche vero che la gente vorrebbe qualcosa di nuovo, invece qui siamo di fronte sempre al dominio di uno, lo stesso, che negli ultimi anni ha monopolizzato il mondiale. Non è colpa di Lewis, ovvio, ma tutto ruota attorno a lui, sembra ci sia soltanto lui e l’interesse dopo un po’ cala. Avere più sfidanti è sempre positivo, così la F.1 dipende troppo da lui che, però, è stato senza dubbio il migliore, una stagione eccezionale la sua condotta senza sbavature. Un peccato che per la Ferrari sia finita in questo modo”.

 

Questa però è anche l’ultima gara di Fernando Alonso, un peccato anche per lo spagnolo…”No, è un peccato per la F.1 perché è un grande pilota, un campionissimo, mancherà a tutta la F.1 non solo ai suoi tifosi, ha dato molta popolarità a questo mondo, mi spiace davvero che vada via”. In compenso torna Kubica con la Williams: “La sua è una bella storia, di chi riesce a lottare e a tornare in un ambiente difficile. Dal punto di vista umano è davvero qualcosa di molto bello, una storia da raccontare”. Poi, preso dalle TV e dai vari impegni, Ecclestone si allontana ma con lo sguardo di chi tiene ancora tutto sotto controllo.

automoto.it

 

 

Condividi su: