GLOBOCONSUMATORI Sicurezza sì, ma no alle multe per fare cassa. E intanto vince 4 ricorsi

COMUNICATO STAMPA GLOBOCONSUMATORI

INIZIATA LA “CAMPAGNA” CONTRO LE “MULTE SELVAGGE” GLOBOCONSUMATORI OTTIENE I PRIMI ECLATANTI RISULTATI.

Presentata in Commissione Trasporti della Camera la proposta di legge per abrogare le
norme su multe facili di autovelox ed apparati vari (semafori intelligenti etc etc), che parte dal
presupposto di “dare un seguito” al monito del presidente della Repubblica, Sergio
Mattarella, il quale ha ritenuto quelle norme del dl Semplificazioni estranee al provvedimento
e per questo incongrue.
La proposta chiede di modificare l’articolo 49 del decreto, che interviene su 15 articoli del
Codice della strada.
Secondo i proponenti, il testo appena presentato ha l’obiettivo di abrogare le “norme
introdotte dal Senato in palese violazione dell’articolo 77 della Costituzione”, rimuovendo “il
vulnus inflitto all’ordinamento costituzionale”. Si tratta – scrivono i proponenti – di un “atto
dovuto nei confronti dei cittadini, volto a ripristinare la certezza del diritto e a scongiurare il
rischio che siano inflitte sanzioni sulla base di una disciplina approvata in evidente costante
con la nostra Costituzione”. (https://www.fanpage.it/politica/codice-della-strada-arriva-proposta-di-legge-per-abrogare-norme-su-multe-facili-e- autovelox/https://www.fanpage.it/).

La Globoconsumatori, che da sempre contesta l’utilizzo “smodato ed illecito nella forma” di
apparecchiature di rilevamento e controllo della velocità e del traffico da parte di moltissime
P.A., le quali che più che alla tanto declamata “Sicurezza Stradale” pare proprio interessi
unicamente il “far cassa” onde rimpinguare le scarne Casse Comunali, si è subito adeguata, condividendo quanto sopra e, continuando l’opera che la vede sempre in azione al proposito
e inizia con uno strepitoso 4 a 0, nei confronti del Comune di S.Mauro T.se.
Il GDP di Ivrea, in data 24 settembre, ha infatti accolti ben 4 ricorsi presentati per conto di associati
alla Globoconsumatori, su verbali relativi a presunte infrazioni semaforiche, risultate poi,
grazie ai contenuti dei ricorsi stessi, del tutto infondate e quindi annullati i verbali medesimi,
condannando il Comune di S.Mauro T.se, a rimborsare l’importo del C.U., obbligatorio per
presentare ricorso al GDP

Condividi su: